Featured Post

IL PENSIERO DI ANTONIO LIVI IN SINTESI

Livi, la metafisica e il senso comune    di Pier Paolo Ottonello, ordinario di Filosofia nell’Università di Genova     La produzione filosofica che Antonio Livi ha dato alla luce in quest’ultimo quarantennio è considerevole sia per la coerenza del percorso, sia per il costante nitore...

Read More

ETIENNE GILSON: IL PENSIERO, LE OPERE

Il filosofo francese Etienne Gilson (1884-1978), alla cui scuola si è formato Antonio Livi. Del pensiero del maestro Livi ha svilujppato soprattutto la teoria del senso comune in rapporto al realismo metafisico e all'unità dell'esperienza filosofica.
Il filosofo francese Etienne Gilson (1884-1978), alla cui scuola si è formato Antonio Livi.

 Del pensiero del suo maestro Antonio Livi ha sviluppato soprattutto la teoria del senso comune in rapporto al realismo metafisico e all’unità dell’esperienza filosofica.

_______________________________________

Jean Leclercq (1911-1993), studioso della teologia monastica, più volte ricordato da Benedetto XVI (che in particolare lo ha citato a Parigi durante l’incontro con il mondo della cultura al Collège de Bernardins), in un colloquio con Massimo Borghesi del 27 febbraio 1986, pubblicato in quell’anno nella rivista 30giorni  e riprodotta nel 2009 nel volume dello stesso Borghesi intitolato Maestri e testimoni. Profili filosofico-teologici del ‘900 (Edizioni Messaggero,Padova), ricorda così la figura del suo antico maestro Étienne Gilson:

 LECLERCQ: Ho avuto buoni maestri. Vorrei ricordare innanzitutto il mio professore di dogmatica a Sant’Anselmo, il benedettino Anselm Stolz, un vero pioniere che nello studio sul trattato de Ecclesia spalancava orizzonti che troveranno conferma nel concilio. E poi all’École de Études Supérieures e all’Institut Catholique di Parigi:  Charles Samaran, paleografo, Louis Halphen, medievalista, Jules Lebreton, storico della Chiesa; e ancora, il gesuita Yves de Montcheuil, ucciso dalla Gestapo durante la Resistenza. Tra tutti, un ricordo particolare è per Étienne Gilson, di cui seguii i corsi a Parigi e con il quale poi divenimmo amici.

Che corso teneva Gilson quando lei seguiva le sue lezioni?

LECLERCQ: L‘argomento riguardava lo svolgimento dell’idea agostiniana di “città di Dio” nel corso dei secoli. Il tema, tornerà poi nel suo studio Les métamorphoses de la Cité de Dieu (1952).

Gilson ha avuto una qualche influenza sulla sua attività storiografica?

LECLERCQ: Sul piano personale fu Gilson che mi incitò, quando ero ancora incerto fra varie direzioni di ricerca, a dedicarmi alla cultura monastica. Sul piano storico devo a lui non tanto delle conoscenze particolari quanto il senso della persona umana che egli sapeva comunicare nel suo insegnamento e nei suoi studi. Tanti storici studiano i testi, identificano il chi, il quando e così via, ma una volta fatto questo non si chiedono chi sia l’uomo che sta dietro i fatti descritti, come viveva, cosa pensava. Gilson invece ogni volta che trattava di Abelardo, Bernardo, Dante, Tommaso, aveva di mira la persona. Da questo punto di vista egli ha contribuito a fare maturare il mio interesse per l’umano. Mi sono ripromesso, dalla mia giovinezza, di non essere mai un intellettuale, uno di questi eruditi che sanno tutto, ma non cogliere l’umanità dell’uomo. Devo a Gilson questo senso dell’umano, questo “umanesimo” nella ricerca.
___________________________________________

 I principali scritti di Antonio LIVI sul pensiero di Étienne Gilson  

1.      “Étienne Gilson e Teilhard de Chardin”, in Rumo, 123 (1968), pp. 176-183.

2.     “Étienne Gilson y Teilhard de Chardin”, in Istmo, 6 (1968), n. 58, pp. 17-23.

3.      “Étienne Gilson e Teilhard de Chardin”, in Nuestro Tiempo, n. 176 (1969), pp. 129-136.

4.      Étienne Gilson: filosofia cristiana e idea del limite critico (“Publicaciones de la Facultad de Filosofia y Letras de la Universidad de Navarra. Colección filosófica”, n. 14), Ediciones Universidad de Navarra, Pamplona 1970, pp. 252.

5.      “Étienne Gilson: metafisica e metodologia dell’esperienza storica”, in Filosofia oggi, 7 (1984), pp. 547-556.

6.      Étienne Gilson: “El espíritu de la filosofía medieval” (“Crítica filosófica”, n.  41), Editorial Magisterio Español, Madrid 1984, pp.172.

7.      “Analisi d’opere: Étienne Gilson, L’ateismo difficile”, in Rivista di Filosofia neo-scolastica, 75 (1983), pp. 343-347.

8.     “Étienne Gilson: metafisica e metodologia dell’esperienza storica”, in Filosofia oggi, 7 (1984), pp. 547-556.

9.     Étienne Gilson, in Gran Enciclopedia Rialp, Rialp, Madrid 19884, vol. XXV, coll. 850-857.

10.  “Il mistero dell’essere nella filosofia esistenziale di Gilson”, in Étienne Gilson, L’essere e l’essenza, trad. it., L. Frattini & M. Roncoroni, Editrice Massimo, Milano 1988, pp. V-XXIII.

11. “Il contributo di Étienne Gilson alla migliore conoscenza di san Tommaso nel Novecento”, in Doctor communis, 1990, pp. 3-15.

12. “Consigli di lettura: Lo spirito della filosofia medioevale, di Gilson”, in Cultura e Libri, 15 (1999), n. 121, pp. 15-17.

13.  “Il realismo come metodo necessario della metafisica secondo Étienne Gilson”, in Horst Seidl (ed.), Realismus als philosophisches Problem, Olms Verlag, Hildesheim 2000, pp. 131-138.

14. “Étienne Gilson: una vera filosofia per l’intelligenza della fede”, in Roberto Di Ceglie (ed.), Verità della Rivelazione. I filosofi moderni della “Fides et ratio”, Edizioni Ares, Milano 2003, pp. 125-152.

15. Prefazione, in Roberto Di Ceglie, Étienne Gilson. Filosofia e Rivelazione, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 2004, pp. 5-15.

16.  “Étienne Gilson e la discussione sul realismo”, in Aquinas, 50 (2007), pp. 607-619.

17.  “Meglio il realismo di Tommaso del dubbio sistematico di Cartesio”, in L’Osservatore romano, 16 maggio 2008, p. 4.

18. Postfazione, in Étienne Gilson, Il realismo, metodo della filosofia, ed. Antonio Livi, Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma 2008, pp. 147-180.

19. “Gilson: il realismo come unico possibile metodo per un’autentica filosofia”, in Filosofia oggi, 32 (2009), pp. 159-168.

 

Sul rapporto tra Gilson e Augusto Del Noce: vedi http://www.blogs.myspace.com/index.cfm?fuseaction=blog..

.

 __________________________________________

Sul libro di Etienne Gilson

Il realismo, metodo della filosofia

Edizione italiana a cura di Antonio Livi

Casa editrice Leonardo da Vinci, Roma 2008.

vedi l’articolo apparso in “Recensioni filosofiche”

http://www.recensionifilosofiche.it/crono/2008-09/gilson.htm.